Bari: arriva il gelo, pronte 30 tonnellate di sale per le strade

In vista del peggioramento delle condizioni atmosferiche e delle probabili precipitazioni nevose che nelle prossime ore potrebbero interessare anche il territorio di Bari, l’Amministrazione comunale si è messa al lavoro per predisporre il consueto piano neve che permetterà, all’occorrenza, di intervenire per ridurre al minimo i disagi.

In queste ore sono state già consegnate presso i depositi dell’Amiu circa 30 tonnellate di sale da impiegare per le operazioni di salatura che interesseranno strade, ponti, viadotti e gli ingressi agli edifici sensibili.

Per lo spargimento del sale sono stati già predisposti due trattori con tramogge di Amiu e sono state allertate 3 imprese che, in caso di necessità, supporteranno le attività dell’Amiu con 2 squadre e 2 mezzi ciascuna.

In queste ore il dirigente del settore viabilità scriverà all’Anas per coordinare gli interventi sugli svincoli di ingresso e di uscita dalla SS16.

Nella mattinata di domani sarà diramato il  “Piano strade” che individua  tutte le arterie stradali oggetto di salatura nelle ore successive.

Per quanto riguarda il trasporto pubblico urbano, sono stati già allertati gli operai per l’eventuale montaggio di catene a bordo degli autobus (disponibilità per circa 40 mezzi) e verificate le condizioni degli autobus che già montano pneumatici termici (disponibilità circa 40).

L’amministrazione comunale è inoltre in contatto con la direzione della ASL Bari PER verificare lo stato di preparazione di tutte le operazioni di salatura presso gli ingressi delle strutture ospedaliere di competenza.

Già dallo scorso 31 dicembre il sindaco Antonio Decaro ha firmato l’ordinanza antifreddo per far fronte ad eventuali situazioni di emergenza relative alle persone senza dimora. Oltre alle strutture e ai posti letto già disponibili, ulteriori 85 posti saranno attivati nelle strutture convenzionate con il Comune di Bari, previa identificazione degli ospiti da parte del PIS e della Polizia Locale. In queste ore, inoltre, l’assessorato al Welfare sta coordinando le attività di approvvigionamento di legna e teli da consegnare presso i campi rom.

La Prefettura ha infine diramato un’ordinanza, valida dalla mezzanotte di oggi, che prevede il divieto di circolazione per i mezzi con massa superiore a 7,5 tonnellate sull’intero sistema viario della città metropolitana fino a cessata esigenza.

Intanto l’Acquedotto Pugliese, in vista dell’ondata di maltempo, rinnova l’invito a rispettare alcune fondamentali raccomandazioni per la protezione dei contatori, esposti al rischio di danni per il gelo causato da temperature al di sotto dello zero.

I contatori a più alto rischio di rottura per il gelo sono quelli all’esterno dei fabbricati, in locali esposti alla temperatura esterna o in case utilizzate raramente.

5 consigli utili per proteggere dal gelo i contatori

1)      Coibentare la porta delle nicchie.

In presenza di contatori ubicati in nicchie esterne ai fabbricati, in locali non riscaldati o non abitati, assicurarsi che la porta del vano contatore sia sempre ben chiusa e priva di aperture per la ventilazione. La porta della nicchia va rivestita internamente di materiale isolante/protettivo, come ad esempio polistirolo o poliuretano espanso, facilmente reperibili presso rivenditori di materiale edile.  Per isolare in modo efficace, lo spessore dei pannelli deve essere di almeno 2,5 cm.

2)      Coibentare il vano contatore.

In presenza di contatori ubicati all’esterno dei fabbricati, in locali non riscaldati o non abitati, è consigliabile coibentare le pareti del vano contatore con lo stesso materiale utilizzato per le porte delle nicchie (polistirolo o poliuretano espanso).

3)      Coibentare il contatore.

In presenza di contatori esposti a temperature esterne, è consigliabile coibentare anche i contatori e le tubazioni di raccordo, utilizzando gli stessi materiali isolanti: polistirolo, poliuretano espanso o materiali simili.  Si raccomanda di non utilizzare lana di vetro o stracci per avvolgere il contatore o le tubazioni di raccordo, poiché questi materiali, assorbendo umidità, possono addirittura peggiorare il rischio di rottura per il gelo.

4)      Rendere accessibile il quadrante.

La protezione adottata deve in ogni caso lasciare scoperto il quadrante delle cifre, per consentire la lettura del contatore agli incaricati di AQP.

5)      Chiudere il rubinetto a valle del contatore nelle case disabitate.

In presenza di contatori ubicati all’esterno di fabbricati o case non abitate nei mesi invernali, è consigliabile chiudere il rubinetto a valle del contatore AQP e provvedere allo svuotamento dell’impianto interno (non di competenza di AQP).

AQP ricorda che i clienti sono responsabili della corretta custodia del contatore e, in caso di rotture o danni, sono invitati a darne immediata comunicazione alla Società telefonando al numero verde del pronto intervento 800.735.735, attivo 24 ore su 24 tutti i giorni dell’anno.

Be the first to comment on "Bari: arriva il gelo, pronte 30 tonnellate di sale per le strade"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.